EQUIPAGGIO – Morris Boy 2017-04-14T15:50:47+00:00

Morris Boy

Intervista a Morris Boy

AC/DC, Ozzy Osbourne, Disturbed

Tutto quello che è genuino

La capacità di adattamento

Il percorso professionale, ma anche la mia vita in generale

Non ritengo di aver mai fallito in qualcosa

Di avere sempre buona salute

Perdere un figlio

Strumentazione

Chitarra: Gibson Explorer Gotic,
BC Rich Mockingbird Pro
Amplificatore: Engl Ritchie Blackmore Signature 100,
Cabinet Engl 4 x 12” ,
Cabinet Marshall 1960 4 X12”
Effetti: Electro Harmonix Small Stone, Boss Chorus

Mansioni

Capo della Manutenzione.

Mantiene l’astronave in perfetta efficienza al massimo delle sue possibilità Non esiste guasto che non sia in grado di riparare, anche solo con un cacciavite e nastro adesivo.

Biografia

Già dalla prima infanzia, Morris è immerso nella musica grazie ad una radio fm sempre accesa che trasmetteva musica di ogni genere, ma la prima consapevolezze musicale avvenne negli anni 1975/76 grazie ai dei Pink Floyd ai quali prestava particolare attenzione trattandosi di sonorità non comuni per quel periodo.

Ci fu un primo periodo in cui, grazie all’acquisto di una tastierina, Morris cominciò a riprodurre istintivamente quelle sonorità dimostrando di avere un ottimo orecchio “musicale”.

Seguì la scoperta della musica Rock e con questa la consapevolezza che la tastierina non era più adatta . . . bisognava avere una chitarra; con essa venne anche la consapevolezza che l’istinto andava bene, ma ci voleva di più. Arrivarono dunque le prime lezioni.

L’anno successivo le radio cominciarono a trasmettere un brano che da subito stuzzicò l’interesse di Morris, si trattava di “I Was Made For Lovin You” dei KISS.

Lo spettacolo, i giochi pirotecnici, i costumi trasmisero emozioni forti che più tardi dopo l’ascolto degli AC/DC distrusse quelle remore che ancora lo frenavano. “Voglio salire anch’io su un palco” si disse e da allora non tornò più indietro.

Nel 1983 l’acquisto della prima chitarra elettrica e di un piccolo ampli per distorcere i suoni, riff di tutte le band del periodo a manetta e presto l’ingresso nella prima band formata da compagni di scuola e i primi concerti alle feste degli amici e l’immancabile saggio di fine anno.

A metà 1984, grazie a conoscenze comuni ottenne un’audizione per entrare negli N.I.B. come chitarrista ritmico. Lo stile essenziale, ma dannatamente preciso, granitico e massiccio, non lasciò dubbi in Lordcarl e Ironwill e subito entrò nella band. Era un martedì e il sabato successivo debuttò live nella parte finale di un mitico concerto a Settimo Torinese; un successo, pubblico in delirio e il sound della band fece un salto in avanti mostruoso.

Da allora Morris è una colonna portante e membro fondatore.

Col tempo le sue qualità compositive si intrecciarono a meraviglia con quelle degli altri membri, forse anche per il forte legame di amicizia che unisce i tre e che porta ad un amalgama sonora così compatta ed omogenea come si intuisce dai brani, sia vecchi che nuovi.

Nel 1987, con Lordcarl ed Ironwill, si imbarca nel viaggio esplorativo dell’Universo Metal e con loro ritorna nel 2013 ancora più granitico, massiccio, preciso e fondamentale per il suono di N.I.B..

I NOSTRI PARTNER